STORIE PORNO
STORIE PORNO
I migliori racconti porno
amatoriali online!!
Cristina, la parrucchiera troiaLa prima volta - La conoscenza (ovvero come ho scoperto di durare per 7 ore)La mia prima volta in tre...La commercialista - parte 2^Io e la collegadocentecon mia suocera in albergoSesso tradimento e rock'n'roll - parte 1porca e selvaggia
Nick: Password:

Pubblica la tua storia!
CLICCA QUI!!
Iscriviti alla newsletter!



Per ricevere tutte le nuove storie!!

l'amico telefonico di mia madre...
Scritta da: .miamadretettona. (1)

Spesso vedevo mia madre poco vestita,con piena espressione di chi tra le cosce ha il fuoco,comprensibile dato che con mio padre non hanno rapporti da molti anni,a causa di una malattia che ha avuto mio padre.
Pensavo sempre di più che mia madre avesse bisogno di qualcuno che la facesse sentire,ciò che non si sentiva da tempo,cioè una donna,una donna libera nella sua sessualità,allora mi presi la briga di trovarle qualcuno tramite chat,a sua insaputa,anche perché io frequento chat dall’età di 14 anni,
Ogni giorno entravo in chat ma non trovavo mai nessuno che fosse stato all’altezza di tirar fuori quella parte di femmina calda che era mia madre,feci tanti tentativi,davo il suo numero di telefono a uomini,che prima conoscevo io,per evitare casini,e che poi gli davo il suo numero,loro poi gli telefonavano facendo finta di sbagliare numero,io ascoltavo le telefonate ed ogni volta rimanevo stupito,anche perché pensavo lei staccasse subito il telefono a degli sconosciuti che le telefonassero ed invece ci parlava,spesso le chiedevano come era fatta e lei si descriveva senza alcun problema nei minimi particolari,diceva pure che tipo di mutandine portava quel giorno in cui la chiamavano,però non si spingeva aldilà,addirittura dopo un po’ non gli rispondeva più al telefono.
Volli tentare altre volte fin che un giorno conobbi Mauro,un uomo di 50 di Genova,molto perverso,che mi diceva che lui con le donne era infallibile,nel senso che riusciva sempre a farle fare tutto ciò che voleva,anche alle donne più puritane.
Io inizialmente non gli credevo,a dir la verità mi sembrava solo uno che si dava arie,però volli tentare,quindi dopo un po’ cominciai a parlare a Mauro di questo mio desiderio di far diventare più troia mia madre,subito Mauro volle saper che tipo fosse mia madre,gli feci pure una accurata descrizione sua,gli mandai anche qualche foto che feci a mia madre di nascosto,tipo quando si abbassava e le si vedevano le mutandine o quando aveva qualche mogliettina o top che lasciava intravedere il suo notevole seno,perché lei porta una quinta che è difficile da non notare,a quel punto Mauro volle il suo numero ed io gli diedi il numero.
Il giorno dopo Mauro fingendo di sbagliare numero le telefonò,dicendo “ciao Roberta come stai?”,lei rispose subito dicendo “non sono Roberta,lei ha sbagliato numero”,lui “mi scusi allora,ma comunque lei ha una bella voce,lei rispose “grazie,buona giornata” e chiuse,tutto mi fece pensare che mia mamma fosse scocciata,anche al mio amico sembrava così .Mauro tento per mesi di corteggiarla,le mandava messaggi romantici,spinti di tutti i tipi,ma lei niente,tanto cha ad un certo punto il mio amico mi disse che non le avrebbe più telefonato,però mi diceva vedrai che mi cercherà lei. .ma io dubitavo di questo.
Dopo un bel po’ di tempo mi richiama il mio amico Mauro e mi dice”sai che tua mamma mi ha cercato?”,io dicendomi così dissi in mente”finalmente!”,poi mi disse anche mia madre gli aveva telefonato per scusarsi di quanto accaduto,perché non gli aveva mai risposto ne al telefono ne per sms e che addirittura gli erano piaciuti i messaggi che lui gli aveva mandato,tra cui ve ne era anche uno dove lui le scriveva che voleva incularsela a pecora sotto la doccia.
Da quel momento il mio amico Mauro le telefonava ogni volta che lei era sola in casa e la faceva eccitare di brutto,tanto che lei spesso si bagnava e le raccontava le sue fantasie,gli racconto che ogni mattina dove andava a far la spesa c’era un ragazzo che la guardava spesso e che lei si eccitava quando questo la guardava,Mauro le confessò che gli avrebbe fatto piacere se lei fosse andata a far la spesa senza mutandine e magari con un vestitino corto,ma lei disse di no,allora il mio amico Mauro la convinse a mettere almeno un micro perizoma con un vestitino corto,lei accetto,Mauro mi disse poi,telefonandomi subito dopo,di stare attento se il giorno dopo mia madre mettesse le mutandine che lui gli aveva detto,anche perché sapeva che io spesso la spiavo quando si vestiva la mattina o si spogliava la sera.
Il giorno dopo vidi mia madre realmente mia madre mettere un micro perizoma bianco ed un vestitino corto che le arrivava sopra la coscia nero.
La sera Mauro le telefonò e lei gli racconto di quanto accaduto,gli raccontò che si mise a pecorina davanti al ragazzo ventenne,fingendo di prendere qualcosa su uno scaffale in basso,mostrando il suo bel culo con quel perizoma bianco,si abbasso anche frontalmente davanti al ragazzo mostrando il suo prosperoso seno,in quanto era molto scollata e senza reggiseno.
Mauro era estremamente eccitato a tal punto che voleva che lei si spingesse oltre e che andasse senza mutandine al supermercato.
Il giorno dopo le tornò al supermercato dove lavorava questo ragazzo,ma stavolta senza mutandine e che un abitino assai più corto e assai più scollato,mise pure scarpe esageratamente alte aperte,che mettevano in risalto lo smalto delle sue unghie dei piedi ed il suo tatuaggio alla caviglia,a mio parere molto eccitante.
Rifece la stessa cosa si abbasso davanti al ragazzo con la solita scusa di prender qualcosa in qualche scaffale in basso,però stavolta il ragazzo,che io conoscevo assai sfrontato,le mise la mano fra le cosce da dietro e le accarezzo la fica ,depilata appunto per l’occasione,la fece bagnare come una matta,poi la porto nel magazzino dove lei gli sparò una sega tra le sue tette e un bel pompino,nel frattempo però non si era accorta che il ragazzo aveva un collega che li spiava,il quale aveva anch’esso notato che mia madre era senza mutandine quel giorno.
Dopo diverse sborrate si avvicino l’altro ragazzo,che li spiava da un po’ dietro la porta,subito,mentre mia mamma faceva un pompino all’altro,le incominciò a leccare la fica,ormai mia madre era chiusa in una morsa di piacere in mezzo a quei due ventenni arrapati,la sfottevano ripetutamente più volte a turno in culo e in fica ,le sborravano in bocca,dentro il culo e tra i seni e lei spesso la ingoiava pure la sborra
Il giorno seguente telefono lei ad il mio amico Mauro e le racconto il tutto,facendolo eccitare come un toro,a quel punto anche Mauro volle fotterla se pur telefonicamente.
Io che ascoltavo tutte le telefonate tra Mauro e mia madre tutt’ora mi faccio una marea di seghe,anche perché da quando è successo questo lei è diventata più troia eclissa quante ne combina di nascosto.
Ancora oggi il mio amico Mauro le telefona e la fa eccitare di brutto proponendole di fare altre porcate in giro,ne saprete altre nel mio prossimo racconto… A presto!

COMMENTALA NELLA NOSTRA CHAT PORNO
MAGARI TROVI ANCHE L'AUTORE DELLA STORIA!


Eccitometro (Numero di voti: 54): 6.91 Commenti (4)

Quanto ti ha eccitato questa storia??!!
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10